Una manifestazione dei conservatori nelle strade di Parigi

Filed in Daniel Pipes by del 02/04/2014
Print Friendly, PDF & Email

Domenica 9 marzo a Parigi ho avuto l’opportunità di assistere a una protesta di piazza contro l’immigrazione.

Il corteo, cui hanno partecipato quasi 600 manifestanti, è partito dalle catacombe di Place Denfert-Rochereau, ha percorso 1,9 km in circa un’ora e mezza lungo due ampi viali e si è concluso in Place d’Italie dove si sono tenuti i discorsi di rito.
La manifestazione, organizzata da Résistance Républicaine (guidata da Christine Tasin) e da Riposte Laïque (il cui leader è Pierre Cassen), ha visto altresì la partecipazione di due figure importanti della destra francese come Fabrice Robert (a capo del Bloc Identitaire) e Renaud Camus (un teorico).
L’agenzia France Press ha seguito l’evento fornendo una cronaca ragionevolmente obiettiva che i principali media (L’Express, Libération, Métro, Le Parisien, Le Point) hanno poi ripreso e pubblicato. Motivati dal successo a sorpresa del recente referendum svizzero contro l’immigrazione di massa, i manifestanti hanno chiesto di poter avere anche loro l’opportunità di votare su quest’accesa questione in Francia; e se da un lato i volantini annunciavano: “Popolo di Francia non aver paura. Di’ che ne hai abbastanza!”, dall’altro Christine Tasin distribuiva copie del suo opuscolo “Che cosa vi ha fatto la Repubblica [francese]?”
I manifestanti hanno cantato La Marsigliese, l’inno nazionale, ripetendo gli slogan scanditi da Cassen dal retro di un camion che procedeva molto lentamente, come:
Ne abbiamo abbastanza, ne abbiamo abbastanza dell’immigrazione.
No, no al rimpiazzo!
Referendum sull’immigrazione!
Siamo tutti svizzeri tedeschi (che riprende velatamente lo slogan del 1968 “Siamo tutti ebrei tedeschi” ed è un riferimento al recente referendum che gli svizzeri di lingua tedesca hanno appoggiato, a differenza dei loro connazionali di lingua francese).
La sharia non avrà successo!
Non amano i francesi, preferiscono gli immigrati.
Fuori, fuori questo governo!
Hollande, adesso basta!
Siamo a casa nostra (il che sta a significare che gli immigrati non sono a casa loro in Francia).

Sui cartelli e gli striscioni esposti si poteva leggere:
Referendum sull’immigrazione!
Immigrazione, islamizzazione, domani l’emigrazione se ne tornerà da dove è venuta!
No al cambiamento di popoli e civiltà!
Agire per la Francia!
Ne abbiamo abbastanza dell’Islam!

Non ci sono stati incidenti forse per la presenza di circa 150 gendarmi armati fino ai denti che camminavano davanti, di fianco e dietro il corteo, oltre a essere appostati negli autobus.
Ebbene, ecco le mie impressioni.
Innanzitutto, in Francia, la pressione pro-immigrazione e pro-islamica è così intensa che ci vuole un grande coraggio a opporre resistenza a queste forze. E quelli che lo fanno temono la violenza, paure confermate dalla presenza di un ingente schieramento di forze dell’ordine. È stato tenuto segreto il nome del ristorante, dove la leadership si è incontrata dopo la manifestazione.
In secondo luogo, la Chiesa cattolica aveva mostrato un anno fa le sue capacità organizzative, facendo scendere in piazza una folla enorme di manifestanti contro i matrimoni gay; in seguito, però, essa ha perso quella battaglia e ha stretto un’alleanza con i musulmani, sperando di promuovere in modo più efficace i loro obiettivi sociali congiunti. Di conseguenza, la Chiesa ha rifiutato ogni ruolo in questa manifestazione di protesta. Anche il Fronte nazionale, un partito basato sulle politiche anti-immigrazione, ha mantenuto le distanze per conquistare più elettori nelle prossime elezioni amministrative.
In terzo luogo, è positivo che il movimento condanni pubblicamente e con forza l’antisemitismo; è però negativo che tolleri i fanatici sentimenti anti-islamici, come gli adesivi che proclamano: “Mangiare halal nuoce gravemente alla salute”. Gli islamisti possono fare tali affermazioni, i loro oppositori non dovrebbero farlo. I manifestanti hanno tirato fuori slogan selvaggi e xenofobi del tipo “Tornatevene ai vostri paesi”.
E per finire, come ha notato Cassen alla fine della protesta di piazza, questa manifestazione non avrebbe potuto aver luogo cinque anni prima e le sue dimensioni ridotte contano meno delle forze patriottiche e tradizionali che cominciano a organizzarsi. In effetti, la rabbia mostrata in quella domenica fredda e assolata dai conservatori sociali francesi rientra in un contesto molto più ampio trovando la propria voce in un modo chiassoso e senza precedenti, uno sviluppo da paragonare in un certo senso al Tea Party negli Stati Uniti.
In questo spirito, i futuri cortei potrebbero mobilitare grandi folle e avere un impatto maggiore; speriamo che però essi ignorino il cibo halal e concentrino l’attenzione sui pericoli reali.

 

2 aprile 2014 – www.danielpipes.org
traduzione di Angelita La Spada

Tags: , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *