L’UE lascia solo Trump a combattere gli jihadisti: la NATO nella coalizione anti ISIS, “ma senza sparare un colpo”…

Filed in Antologia Stampa by del 27/05/2017
Print Friendly, PDF & Email

Finalmente l’Italia trova un ruolo di rilievo nel contesto internazionale: quello suo proprio, di mediazione, rafforzato dall’occasione di essere Paese ospite dell’imminente G7. Donald Trump infatti ha chiesto nel corso del suo incontro a Roma a Paolo Gentiloni di premere, soprattutto su Germania e Francia, perché cessi la loro opposizione all’ingresso della Nato nella coalizione anti terrorismo, con conseguenze non secondarie. A dire il vero, ha dell’incredibile che la più grande alleanza militare del pianeta, che rappresenta un formidabile consesso euro-americano, si sia tenuta sino ad oggi fuori dall’impegno anti terrorista. Ma così è stato, nonostante che i principali suoi Paesi membri, Usa, Francia, Germania, Spagna, Inghilterra, Belgio e Turchia, siano stati ripetutamente e ferocemente colpiti dal terrorismo con vittime che ammontano a più di un migliaio. Nonostante anche che la Nato, nel 2002, abbia direttamente e con grande impegno partecipato alla missione militare anti terrorismo in Afghanistan, paese peraltro totalmente estraneo alla sua area “atlantica” di impianto e di intervento. Episodio rimasto però unico al quale è seguito un suo chiudersi a riccio in un contesto esclusivamente europeo.
Da più di un decennio la Nato si è così chiusa in un suo splendido isolamento, non si è minimamente interessata dei disastri che terremotano il Mediterraneo (di nuovo, incredibile l’assenza di ogni suo interesse per la crisi libica) e si è esclusivamente occupata di continuare, a 30 anni ormai dalla caduta dell’impero sovietico, la sua pressione politico militare sulla Russia. Il tutto, peraltro, anche male e con pessimi risultati, perché proprio alla Nato, oltre che a Barack Obama e Angela Merkel, va attribuita la gestione fallimentare della guerra civile in Ucraina. Scontro dal quale il governo di Kiev, appoggiato dalla Nato, è uscito non solo sconfitto nei fatti, ma anche con vergogna, perché le sue armate hanno perso anche perché i suoi ufficiali vendevano armi e blindati ai filo russi.
Ma ora Trump intende capitalizzare il fallimento della strategia Nato in Ucraina, innanzitutto per imporre a 23 su 28 Paesi alleati di far salire sino al 2% del Pil le loro spese militari, sgravando il peso economico sempre sostenuto maggioritariamente dagli Usa (che investono in spese militari attorno al 4% del Pil). Trump anche ieri è stato esplicito: “Sono stato molto diretto con i membri Nato, finalmente devono contribuire nel modo giusto con la quota giusta rispettando gli obblighi finanziari, ma 23 dei 28 membri ancora non pagano quanto dovrebbero, questo non è giusto per il popolo e per i contribuenti degli Stati Uniti”.
Inoltre, il nuovo presidente americano intende sviluppare una politica di appeasement con la Russia di Vladimir Putin e anche questa è una sua solida ragione per distogliere la Nato dalla sua ossessione verso i confini orientali dell’Europa e dirottare i suoi sforzi e il suo formidabile apparato (anche di intelligence) contro il terrorismo. Questo, anche perché nella visione di Trump il concetto di “terrorismo” è ben più ampio di quanto comunemente si intenda. Più volte, nel suo viaggio in Arabia Saudita e in Israele, Trump ha accusato infatti l’Iran di essere la fucina e l’organizzatore del terrorismo. E dunque, nella sua visione, d’ora in poi la Nato dovrà impegnarsi in orizzonti ben più complessi della caccia ai singoli jihadisti. Di fatto, deve entrare in concorrenza alla alleanza anti terrorista che agisce in Mesopotamia e che fa capo a Russia e Iran. Questa implicazione è apparsa subito chiarissima a Stoltenberg, attuale segretario generale della Nato, il quale si è detto d’accordo al nuovo impegno antiterrorismo della organizzazione che dirige, aggiungendo però la perfida frase: “Però senza combattere”. Posizione ben strana da parte del leader della più grande e potente alleanza militare del mondo e della storia, che evidenzia appunto il timore di certa Europa ineffabile di trovarsi impegnata in combattimenti in Iraq, Siria (o Libia) a fianco, o magari contro l’impegno parallelo della alleanza russo-iraniana. Di fatto. Stoltenberg vorrebbe che la Nato si impegnasse contro il terrorismo solo con gli strumenti dell’intelligence. Un po’ poco. Ennesimo paradosso di una visione del mondo “politically correct”.

Carlo Panella, “Libero”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *