L’ONU ha dichiarato guerra alla nostra civiltà

Filed in etnismo, geopolitica by del 12/01/2017
Print Friendly, PDF & Email

Una splendida annata per gli antisemiti delle Nazioni Unite, il 2016. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha appena colpito l’unica democrazia del Medio Oriente: lo Stato di Israele. L’uscente amministrazione Obama avrebbe orchestrato ciò che anche “Haaretz” ha chiamato una campagna “mordi e fuggi” in seno alle Nazioni Unite per denigrare lo Stato ebraico e lasciarlo a un destino in cui si profilano solo conflitti e odio. Questo è un genocidio culturale che non è meno pericoloso degli attacchi terroristici. Un genocidio basato sulle menzogne antisemite e che crea l’atmosfera non per raggiungere “la pace”, come sostenuto in malafede, ma per perpetuare la guerra.

onu condanna israele - Zeid Ra’ad Zeid al Hussein

Zeid Ra’ad Zeid al Hussein, alto commissario per i “diritti umani”… tra cui probabilmente non si annovera la libertà di espressione, visto che il principe ha più volte tentato di far passare leggi internazionali contro la “diffamazione della religione” (ovviamente islamica). Il governo a cui appartiene, quello giordano, ha condannato in contumacia per blasfemia i responsabili danesi delle famose vignette su Maometto.

La Risoluzione 2334 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU è il coronamento di un anno incredibilmente fruttuoso per gli antisemiti. Lo scorso novembre, le commissioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite in sole ventiquattr’ore hanno adottato 10 risoluzioni contro Israele, l’unica società aperta del Medio Oriente. Quante risoluzioni sono state approvate contro la Siria? Una. Quante contro lo Stato canaglia della Corea del Nord? Una. Quante contro la Russia quando ha annesso la Crimea? Una.
Hillel Neuer di UN Watch ha rilevato:

Mentre il presidente siriano Bashar el Assad sta preparando il massacro finale del suo popolo ad Aleppo, le Nazioni Unite hanno adottato una risoluzione, redatta e co-sponsorizzata dalla Siria, che condanna falsamente Israele per le “misure repressive” contro i cittadini siriani sulle alture del Golan. È scandaloso.

Non una sola risoluzione è stata approvata per coloro che abusano davvero dei diritti umani come Arabia Saudita, Turchia, Venezuela, Cina o Cuba, per non parlare di molte tirannie di fatto in tutta l’Africa. Una sola risoluzione è stata approvata sulle “proprietà dei rifugiati palestinesi”, ma non una risoluzione sui beni dei cristiani iracheni a Mosul.
Un’altra risoluzione di questa conventicola razzista delle Nazioni Unite riguarda “l’applicazione della convenzione di Ginevra nei territori occupati”. Ci sono centinaia di contese territoriali nel mondo, dal Tibet a Cipro, ma solo Israele merita una risoluzione?

onu condanna israele - Leila Zerrougui

La rappresentante speciale del segretario generale dell’ONU per i minori nei conflitti armati, Leila Zerrougui, si batte per includere Israele nella lista nera dei Paesi che danneggiano i bambini, ma non fa una piega davanti ai piccoli “martiri” di Hamas.

Secondo i bugiardi delle Nazioni Unite, il Paese più malvagio al mondo è Israele. L’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, il principe giordano Zeid Ra’ad Zeid al Hussein, è il promotore di una “lista nera” delle imprese israeliane e delle aziende internazionali che hanno legami con la Cisgiordania, Gerusalemme est e le alture del Golan per facilitare la campagna di boicottaggi contro Israele, nella palese speranza di sterminare economicamente l’unica democrazia e nazione pluralistica della regione: lo Stato ebraico.
Anche l’inviata ONU per i bambini nei conflitti armati, Leila Zerrougui, algerina, ha suggerito di includere Israele nella lista nera dei Paesi e gruppi che provocano regolarmente danni ai minori, insieme ad al Qaeda, Boko Haram, Stato Islamico e talebani, e a Paesi come Congo e Repubblica Centroafricana, tristemente noti per i loro bambini soldato; ma naturalmente non i palestinesi, che continuano a promuovere l’utilizzo dei bambini come combattenti e “martiri”. Com’è possibile che la giurisprudenza occidentale, creata dopo la seconda guerra mondiale per impedire nuovi crimini contro l’umanità, venga ora utilizzata contro le democrazie e per perpetuare ulteriori crimini?
La Commissione ONU per i diritti delle donne si è limitata a puntare il dito unicamente contro Israele per aver violato tali diritti. Non contro la Siria, dove le forze di Assad usano lo stupro come tattica di guerra, o contro l’ISIS, che schiavizza le donne appartenenti alle minoranze religiose. Non contro l’Arabia Saudita dove, nonostante le temperature torride, le donne sono punite se non si coprono dalla testa ai piedi. Non contro l’Iran, dove l’“adulterio” (di cui può essere accusata anche una donna vittima di stupro) è punibile con la lapidazione. E se gli uomini palestinesi picchiano le loro mogli è colpa di Israele, ha affermato con tono serio l’esperta delle Nazioni Unite Dubravka Simonovic.

onu condanna israele - Dubravka-Simonovic

Dubravka Simonovic è la “UN Special Rapporteur on violence against women”. Una visita in Israele e in Cisgiordania l’ha condotta a una serie di conclusioni demenziali, tra cui “il riconoscimento del chiaro rapporto tra la prolungata occupazione israeliana e la violenza degli uomini palestinesi contro le donne”. Nessun accenno alla società patriarcale araba, ai despoti di Hamas (che predicano la misoginia islamista) o all’Autorità Palestinese.

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (sempre ONU) ha accusato Israele di essere l’unico Paese al mondo a violare “la salute mentale, fisica e ambientale”, nonostante esso sia anche l’unico al mondo a prestare assistenza medica ai propri nemici (si chieda ai figli dei leader di Hamas).
Il professore canadese di diritto Michael Lynk è stato poi nominato investigatore “imparziale” dell’ONU per presunte violazioni dei diritti umani da parte di Israele, malgrado la sua lunga attività di lobbying contro Israele, compresa l’appartenenza al consiglio di amministrazione di molte organizzazioni pro-palestinesi, come Friends of Sabeel e il National Council on Canada-Arab Relations.
Lo scorso ottobre l’UNESCO, l’organismo culturale delle Nazioni Unite – dichiarando per magia “islamici” antichi siti biblici ebraici, anche se l’islam non è esistito storicamente fino al VII secolo, centinaia di anni più tardi – ha preteso di cancellare le radici ebraico-cristiane di Gerusalemme con la complicità scellerata dell’Occidente. Si tratta di una terribile manipolazione per cancellare tutta la storia ebraica e cristiana, far credere che tutto il mondo sia sempre stato solo islamico. Ecco come funziona la jihad. Non è soltanto tute arancioni, decapitazioni e schiavitù. Se si può cancellare e riscrivere la storia, si può reindirizzare il futuro. Se non si sa da dove si viene, quali saranno i valori da difendere o per cui battersi?
I nomi hanno importanza. Se il termine è ebraico, allora si parla di “Giudea e Samaria”; se è “Palestina”, si può dire che “è stata rubata dagli ebrei” e Israele è un “concetto colonialista” basato sulla “ingiustizia”. E allora perché nessuno richiama l’attenzione sull’intero continente sudamericano, conquistato con le armi da Cortés, Pizarro e dagli europei, ai danni degli indios?

onu condanna israele - Micheal-Lynk

Per capire che razza di personaggio sia Michael Lynk – quello che l’ONU ha incaricato di investigare “sulla situazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati dal 1967” – basta ricordare che il docente canadese, due o tre giorni dopo l’Undici Settembre, ha accusato l’Occidente e le sue politiche di aver provocato gli attacchi alle torri gemelle.

Una galleria di mascalzoni

L’ultima risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite contro Israele non riguarda solo gli “insediamenti”, ma la Città Vecchia di Gerusalemme. I suoi membri vogliono resettare la storia non al 1967, ma al 1948, l’anno in cui è nato Israele.
Quando Marcel Breuer e Bernard Zerhfuss disegnarono il palazzo in cemento e vetro dell’UNESCO a Place de Fontenoy, a Parigi, e Pablo Picasso regalò loro gli affreschi, molto probabilmente immaginavano la rinascita della cultura occidentale dopo la guerra, la Shoah e gli incubi nazisti. Mai altrove si erano sentite ripetere così tante volte parole come “educazione”, “scienza”, “cultura”, “libertà”, “pace”, e “fratellanza”. C’erano la speranza e l’impegno che il futuro sarebbe stato migliore, non peggiore. Ma il sogno non è durato che pochi minuti, il tempo dell’annuncio.
Di fatto, l’Unione Sovietica aveva già colorato di rosso i programmi culturali dell’UNESCO, come quando l’organizzazione promosse un “nuovo ordinamento mondiale dell’informazione”, il cui obiettivo era quello di porre fine al dominio della stampa occidentale, presentata come una “minaccia” alla “identità culturale” delle nazioni del “terzo mondo”. All’ombra della Torre Eiffel, il terzo mondo autoritario e antioccidentale si è impadronito del centro culturale delle Nazioni Unite, che è diventato, secondo il “Washington Post”, “eccessivamente burocratico, esoso, inefficace e intriso di un pregiudizio antioccidentale e anticapitalista”.
Da allora, Israele continua a essere trattato come un paria da questi criminali ideologici con attico sulla Senna. E successivamente, nel 1975, l’ONU ha svelato le sue carte diffondendo la menzogna antisemita che “sionismo equivale a razzismo”.
Il mese scorso il presidente dell’Assemblea Generale, Peter Thomson, ha sfoggiato la famosa kefiah, simbolo della “resistenza palestinese” (leggi terrorismo). Questo è semplicemente il prosieguo dell’annientamento culturale di Israele, che dovrebbe giustificare il successivo annientamento fisico.
Il destino della civiltà giudaico-cristiana – cristianesimo e giudaismo su cui si basano tutti i nostri valori – è legato al destino dello Stato di Israele. Se Israele cessa di esistere, cesserà di esistere anche il cristianesimo. Il mondo ha visto come i pochi cristiani e altri non musulmani ancora presenti nel resto del Medio Oriente – un tempo la gloriosa Bisanzio cristiana – vengono massacrati ora che gli ebrei e i greci non ci sono più.
La guerra delle Nazioni Unite agli ebrei di Israele è, in definitiva, una guerra contro l’Occidente. L’ONU e i suoi sostenitori stanno rapidamente spianando la strada al califfato europeo.

onu condanna israele - Peter-Thomson

29 novembre 2016: Peter Thomson, delle Isole Fiji, indossa la kefiah con i colori palestinesi mentre presiede la 71esima assemblea generale ONU.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *