Il Gran Galà 2018 del Conservatorio di Tahiti

Filed in Polinesia in diretta, polinesiani by del 22/06/2018
Print Friendly, PDF & Email

La Heiva delle scuole si conclude con lo spettacolo di Te Fare Upa Rau, il Conservatorio di Tahiti. Questo articolo vuole essere un omaggio al grande autore Patrick Amaru, mancato improvvisamente due giorni dopo il trionfo della serata. Non sarà più possibile immergersi nella profondità dei suoi testi.
Quest’anno, proprio grazie alla collaborazione con Patrick Amaru, il risultato, oltre a lanciare l’importante messaggio di ancorarsi alla propria cultura, è stato eccellente: il saggio non si è limitato a essere un susseguirsi di quadri, ma un vero e proprio spettacolo, dal contenuto profondo e toccante.
Dopo i discorsi di rito e la consegna dei diplomi, il primo ‘ōrero, discorso: Te Here Hohonu O Te Metua Vahine, L’amore intenso della madre. La madre è Moanaahiva, il mare dei guerrieri, esorta a non dimenticare da dove si proviene.

Mai te püai o te òpape, to òe mafatu te arataì noa ra’a i toù pahi i te atearaà o toù nei manaò.
Te parau nei òe e tama no te hôê nunaà,
E tama no te moana
Òia ia, òia mau!
Moanaahiva e!
Èìta e àramoina iaù toù tumu
Èìta e àramoina iaù i te tere o te mau tupuna na nià i te ‘ufa atomi
No te mea i te mahana tataìtahi e haàmaniì te mau àre i te òtoraà e te poòpoòraà o te Auê i te fenua nei,
I nià i te moana, o te maru ao e papaì hia ai te hohoà no te tiaì tumuraà ora ia tae i te Hôê mahana, e fafauhia ai te rauraà o te taère mau.
No reira, i teie mahana te haàmauruuru nei au, no te faufaà ta òe i horoà mai.

Come la corrente degli oceani, il tuo cuore guida la mia imbarcazione più lontano della mia ragione,
Tu mi dici che sono figlio di un popolo,
Figlio del mare
Oh, sì!
Moanaahiva!
Non dimenticherò da dove vengo
Non dimenticherò che i nostri antenati navigavano sulla schiuma del nucleare
Perché ogni giornole onde riversano grida tempestose sulle nostre terre,
Sui nostri mari, l’alba disegna la speranza che un giorno, la nostra cultura ritrovi tutti i suoi colori.
Per questo oggi ti ringrazio di aver condiviso il tuo sapere.

Si fa allusione alle 193 esplosioni atomiche volute dalla Francia negli atolli di Moururoa e Fangataufa per 40 lunghi anni, l’ultima nel 1996, con disastrose conseguenze.

Testo del Gran Galà del Te Fare ‘Upa Rau, il Conservatorio di Tahiti
autore Patrick Amaru
Nel testo sono state incluse filastrocche dei bambini, ottimo modo per memorizzare le differenze fra parole dall’assonanza simile.

PATAU: Te reo te tururaa o te varua
Eaha ia te māòhi reo òre?
E vaa âveià òre ia i te moana!
E òromatua ia i te oraraa!
O te reo te matamehaì…
O te reo te hopeà…
O te reo te vaa…
O te ìte e te paari.
O te reo te turu
…O te varua…

Filastrocca: La lingua sacra supporto dell’anima
Cos’è un Mā’ohi senza la sua lingua?
È una piroga errante sull’oceani!
È un fantasma nella vita!
La parola è all’inizio,
La parola è alla fine…
La lingua è la piroga
Del sapere e della saggezza.
La lingua è il pilastro
…Dell’anima…

Tema dello spettacolo, autore Patrick Amaru
Te ao a taaòre.
E ao huru è mau ā
Teie nei ao âpī.
E ao huru è mau ā
Teie nei ao apiapi…

Il mondo dell’incertezza
Molto strano era
questo nuovo mondo.
Molto strano era
questo mondo affollato…

E ao huru è mau ā
I te tua o te fenua.
E ao huru è mau ā
I te vaamataèinaa…
E ao a pehu,
E ao a rupehu,
E ao a taaòre…

Molto strano era questo mondo
sul dorso della terra.
Molto strano era questo mondo
nella va’amata’eina… (piroga società)
Era un mondo d’immondizie,
Un mondo brumoso,
Un mondo d’incertezze…

Aore e nià,
Aore e raro,
Aore e mua,
Aore e muri,
Aore e papa,
Aore e reva,
Aore e rei mua,
Aore e rei muri,
E te taamino noa nei
Teie vaamataèinaa
I te puahiohio a taaòre…

Niente alto,
Niente basso,
Niente davanti,
Niente dietro,
Niente fondamenta,
Niente cielo,
Niente prua,
Niente poppa,
Errava senza fine
Questa piroga società
In un turbinio d’incertezze…

Aore ôrama,
Aore reo teatea,
Ua mārau te taò
I te rave a tāiva,
Ua marō te parau
A toe noa mai ai
Te âoaoa…

Nessuna chiarezza,
Nessuna lingua comprensibile,
L’abbandono era svanito
La parola si era seccata
Non restava che confusione…

Aore pehe te pehe,
Tāòroòroòroòroòroòro noa…
Hitata i te Hitoto,
Auē hoì e!

La musica non era più musica,
ma un grande gorgoglio…
Hitata rimpiazza Hitoto, [Hitata, pescare con una trappola per granchi, Hitoto è il nome di un ritmo musicale]
Auē ho’i e! [esclamazione]

Aore tārava te tārava,
Hahi te Haū,
Parapara te Perepere,
Auē hoì e!
Aore òri te òri,
Raùraù noa te àpa,
Hipahipa noa te àpa,
Auē hoì e!

Il tārava non era più iltārava (canto tradizionale che si esegue con le gambe allungate, stesso nome in reo Ma’ohi della linetta che si mette sopra le vocali per allungarne il suono)
L’Hahi rimpiazza l’Haū, (Hahi, sbagliare inconsapevolmente, Haū, voce soffiata nel tārava)
Parapara il Perepere, (Parapara, resti di cibo sui piatti, sui denti, sulle mani, Perepere, voce nel tārava)
Auē ho’i e!
La ‘ori non era più la ‘ori, [danza]
Le ‘apa si limitavano [‘apa da il nome alla danza chiamata ‘aparima, mimare con le mani]
A grattarsi e ammirarsi,
Auē ho’i e!

Ē, oia ia!
Aore ôrama,
Aore reo teatea,
Ua mārau te taò
I te rave a tāiva,
Ua marō te parau
A toe noa mai ai
Te âoaoa,
A toe noa mai ai
Teie manaò iti faufaa òre,
A toe noa mai ai
Teie teòteò riàrià a taata…
I hiti ai te ôpuaraa
E patu i te pā,
E èia ma te puai i te ôrama nui,
E haru i te fetu…

Sì,
Nessuna chiarezza,
Nessuna lingua comprensibile,
L’abbandono era svanito
Le parole,
La parola si era seccata
Non restava che confusione
Non restava che questa insignificante volontà
Non restava che questo orribile orgoglio umano…
Allora venne deciso
Di costruire una torre,
Per rubare la forza alla grande luce,
Di strappare le stelle…

Ē, e ao huru è mau ā
Teie nei ao âpī.
E patu huru è mau atoà
Teie nei paturaa pā
Inaha,
Ua moinahia te ôfaì tihi,
Ua faaòhipahia te ôfaì tāòpaòpa…
Inaha,
A tià marū noa ai teie pā
Te ârue nei te neneva:

Sì, era strano
questo nuovo mondo.
Era anche strana
La costruzione di questa torre
Perché
Venne dimenticata la pietra angolare [quella che regge la costruzione NdA]
Furono usate pietre instabili
Quindi
Mentre si costruiva questa torre,
Gli schizofrenici esultavano:

E tau âpī teie,
E tau no te ôhie!
Aita e reo,
E âoaoa te reo…
Aita e papa
E tià te pā i te oneone…
Aita e aa hohonu,
E tupu te tumu i te aore…
Inaha,
E tau âpī teie,
E tau no te ôhie…

“Ecco il nuovo tempo,
Il tempo della facilità!
Niente lingua,
Il delirio è la lingua…
Niente fondamenta
La torre si costruiva sulla sabbia…
Niente radici profonde
L’albero cresce nel vuoto…
Perché
Ecco il nuovo mondo,
Il mondo della facilità…”

Teie rā,
Aita teie pā i māhemo
I te tupuài mouà,
I haruru ai te pātiri,
I mutu ai te àpu o te reva,
I puhi mai ai te mataì,
E mataì rofaì,
E matai faatiàmā i te ohi,
I ruru ai te patu,
I âfafa ai te ôfaì,
I ôfa ai te pā,
A purehu roa ai
I te hirinaì
E i te taaòre…

Nel frattempo,
Questo forte non aveva oltrepassato
Le cime,
Quando rimbombò il tuono
Quando la conchiglia celeste venne tagliata,
Quando soffia il vento,
In burrasca,
Per purificare e relever il virgulto,
Allora le mura tremeranno,
Le pietre si fenderanno,
La torre si inclina
E crolla
Nello spavento
E nell’incertezza…

Te tapitapi nei te taata,
Te àrepurepu nei te feruriraa:
E aha teie?
E horo i hea e ora ai?
I mahuta ai te reo,
Te reo o te pū fenua,
Te reo o to tahito ra:
A hoì i te papa…
E ia paari te papa…
I reira noa outou e tū ai…
I reira noa outou e māhora ai…

Gli uomini erano inquieti,
Si interrogavano:
“Costa sta succedendo?
Dove rifugiarsi?”
Una voce si alza,
La voce della placenta,
La voce degli anziani:
“Rientrate nella papa… (roccia)
Che le rocce siano solide…
E solamente là voi voi
Costruirete…
E solamente là voi vi svilupperete…
E solamente là voi prospererete…

I pehepehe ai to te Pō,
Te Pō a Rumia:
(Te Hiroà e te Iho Tumu)

Il Pō, la notte, la notte di Rumia (la conchiglia dentro la quale Ta’aroa, il dio creatore del mondo Ma’ohi vagava nell’infinito)
Si mette allora a cantare:
(La sapienza, essenza dell’appartenenza)

Ia fati te àre no te moeroa
I te tahatai no te oraraa,
Ia tūmā te mataì no te tià
I te teòteò e te ìte,
Ia topa te mau ùnaùna paa,
Ia vai tahaa te tino,
Ia vai tahaa te varua,
E aha paì te mea e toe mai?

Quando l’onda del lungo sonno
Si infrange sulle rive della vita,
Quando il vento della verità
Cancella la vanità e il sapere,
Quando cadono le apparenze
Quando il corpo è esposto,
quando l’anima è a nudo,
Cosa ci resta?

Te hiroà e te iho tumu ia
O tei hono tià nei ia tātou,
Te hiroà e te iho tumu
No roto mai i te pū fenua,
Te pū fenua o te âià,
To tātou ia metua vahine.

La sapienza e l’identità originale
Che ci tiene legati tutti insieme,
La sapienza e l’identità originale
Che ci arrivano dalla placenta,
La placenta del nostro paese natale,
Nostra madre.

Ia fati te àre
Ia farara te mataì,
A moe na i to hiroà,
A moe na i to iho tumu!

Quando si infrange l’onda,
Quando cade il vento,
Pensa alla tua sapienza,
Pensa alla tua identità!

Te Papa (Te Paari. Te tama)
Te reo. (Te tama)

O te reo te matamehaì,
O te reo te hopeà…
O te reo te vaa
O te ìte e te paari.
O te reo te turu
O te varua…

Papa, la roccia di fondazione (La solidità. Il bambino)
La parola (Il bambino)
La parola all’inizio
La parola è alla fine…
La lingua è la piroga
Del sapere e della saggezza.
La lingua è il pilastro dell’anima…

Eaha ia te māòhi reo òre?
E vaa âveià òre ia i te moana!
E òromatua ia i te oraraa!

Cos’è un Ma’ohi senza lingua?
É una piroga errante sull’oceano!
È un fantasma nella vita!

E te tama e,
A ora i to reo,
A àtuàtu ia na
Mai te tumu raau,
Mai teie pitipitiô

O bambino,
Vivi la tua lingua,
Coltivala
Come un albero,
Come questo pitipiti’ō [i semi rossi dellAdenanthera pavonina, con i quali si confezionano collane]

Pitipitiô, Pitipitiô,
Eaha te Pitipitiô?

Pitipiti’ō, pitipiti’ō,
Cos’è il pitipiti’ō?

Hoê A, hoê E
E ere i te Pitipitiô!
Hoê I, hoê O
E ere i te Pitipitiô!
Hoê U ùupa
E ere atoà i te Pitipitiô!

Una A, una E
Il misterioso pitipiti’ō
Una I, una O
Il misterioso pitipiti’ō
Una U u’upa, [Piccione verde, Ptilinopus purpuratus purpuratus]
Il misterioso pitipiti’ō

Pitipitiô, Pitipitiô
Eaha te Pitipitiô?
Piti Piti, hoê Ô
O te Pitipitiô ia.

Pitipiti’ō, pitipiti’ō,
Cos’è il pitipiti’ō?
Due Piti, una O
Questo è il pitipiti’ō.

E te tama e,
A àai i to reo
Mai ia òe e ài
I te tupa.

O bambino,
Nutriti della tua lingua
come ti nutri dei tupa. (granchi)

Tupa tupa tupa e
Tupa tupa tupaha
Tupa tupa tūpapa
Tupa tupa tupapaù
Tupaì tupaì tupa e
Tupaì tupaì tupaha
Tupaì tupaì tūpapa
Tupaì tupaì tupapaù

Granchio, granchio, ecco il granchio
Granchio, granchio, chiacchierone
Granchio, granchio, saccheggiatore
Granchio, granchio, cadavere
Battete il granchio, il granchio
Battete il granchio chiacchierone
Battete il granchio saccheggiatore
Battete il granchio cadavere

Te pehe. Te Òri. (Te tama)
E te tama e,
A vaavaa na to tarià
I te munamuna o to fenua…
E faaroo atu òe i te māfatu
Ia ùmeremere i te ora,
Te àre ia paù i te mato,
Te tumu raau ia taù i te marae,
Te âvae ia horohoro i te faa
Te ôfe ia pāparari i te ahi,
Te varua o te Pò ia anau o ia.

La musica La danza (Bambini)
O bambino
Apri le orecchie
Al mormorio della terra…
Sentirai il cuore suono dei pahu
Glorificare la vita,
Le onde percuotono le falesie, suono dei taripahu
I tronchi degli alberi risuonano nel marae (luogo di culto) suono dei to’ere
I piedi corrono nelle vallate, suono dei ha’akete
I bambù si incrinano per il caldo, suono dei pihara
L’anima del Pō (notte) piange… suono del vivo (flauto nasale)

E te tama,
A vaavaa na i to tarià,
Ia faarii hau atu to âau
I te ô o to fenua!

O bambino
Apri le orecchie
Perché la tua anima accolga in pace
Le offerte dalla terra!

E te tama e,
A faarii mai na i te Hitoto!
A pehe i teie nei i te Hitoto!
E a òri!

O bambino
Accetta l’Hitoto! (ritmo)
Canta adesso l’Hitoto!
Ballalo!

E te tama e,
A faarii mai na i te Takoto!
A pehe te Takoto!
A òri!
E te tama e,
A faarii mai na i te …..
A pehe i te ……
E a òri!

O bambino
Accetta il Takoto! (danza di saluto finale, dal ritmo molto veloce)
Canta adesso il Takoto!
Ballalo!
O bambino
Accettali…
Cantali adesso…
Ballali!

A Tū e a mahora!
I hea te Papa?
I hea te papa e papahia ai?
I hea te puna e punahia ai?
I hea te aa e aahia ai?
I hea te tumu e tumuhia ai?
I hea te pūfenua e pūfenuahia ai?
I hea te taata e taatahia ai?
I hea te vaamataèinaa
E vaamataèinaahia ai?
I hea te aroha e arohahia ai?
I hea?
I hea, maoti ra i te fenua!

Sii all’altezza e apriti!
Dov’è la papa? (roccia di fondazione)
Dove la papa diventa papa?
Dove è nata la sorgente?
Dove affondano le radici?
Dove l’albero diventa albero?
Dove la placenta diventa placenta?
Dove l’uomo diventa uomo?
Dove la piroga-società diventa piroga-società?
Dove l’amore diventa amore?
Dove?
Dove se non su questa terra!
Video GC 18 9 hiroà —————–
Titolo: Hea? Dove?
Te fenua o te àpu ia i raro,
O te àpu ia a vahine,
Teie àpu i topatahia e te ua,
Te ua a ora no te àpu i nià!
Te fenua o to tātou ia metua vahine,
Teie ôpū i faarii i to pū fenua,
To pū fenua i torotoro ai to aa,
I tū ai te tumu,
I tū ai to tupuna,
I tū atoà ai òe…

La terra è la conchiglia del basso,
La conchiglia della donna,
Questa conchiglia innaffiata dalla pioggia,
pioggia di vita della conchiglia dell’alto!
La terra è nostra madre,
Il ventre che accoglie la tua placenta,
La tua placenta dove le tue radici si sono estese,
Dove si è eretto l’albero,
Dove si sono eretti i tuoi antenati,
Dove anche tu di ergerai…

E ia pii mai te pō ia òe
I te tahatai o to oraraa,
I te fenua atoà òe
E tanuhia ai…
E i teie ā fenua,
E tupu mai ā òe
E ohi âpī…

E quando la notte ti chiamerà,
Dalla riva della tua vita,
Nella terra anche
Tu sarai piantato… (nel senso di interrato, sepolto)
In questa terra ancora,
Germoglierai
Nuovo virgulto

E te tama e,
O te fenua te papa,
Te papa a taata!
Inaha e inaha e,
Te fenua o te taata ia,
E te taata o te fenua ia….

O bambino,
La terra è il padre,
Il padre dell’uomo!
Perché
La terra è l’uomo
E l’uomo è la terra…

A Tū e a Māhora!
Te papa tahito?
Te ui nei rā te manaò:
E faaèa noa ānei tātou
I teie noa fenua?
E noho noa ānei tātou
I teie noa papa
E a tau e a hiti noa atu,
A poìhia atu ai teie papa
I te remu a tāivaraa?

Sii all’altezza e apriti!
L’antica papa? (roccia di fondazione)
Ci si interroga:
“Non si deve forse dimorare
Che su questa terra?
Non si deve forse abitare
Che su questa papa?
Ora e per sempre,
Col rischio di vedere questa papa
Coprirsi di schiuma?”

Eiaha e te tama!
A tīfene e parahi i raro.
A tāhopu i to fenua
Ia vēhi te aho noànoà
O to metua vahine ia òe.
A tuatapapa i te papa tumu,
Te papa o te tua i tupu na,
Te papa a to tupuna.
A perehahu, a perehaha
I te aa e toro nei i raro.
A rima vī atu i teie mau aa,
Eiaha te papa ia taùeùe,
Eiaha te fenua ia marō!
E ia mau papū te papa,
E ia paari te papa
E ia hoê òe i teie papa,
A tià i nia!

No bambino!
Siediti.
Inchinati alla tua terra,
Affinché il soffio profumato
Di tua madre di avvolga.
Cerca la fondazione originale
La papa delle generazioni passate,
La papa dei tuoi antenati.
Avanza a tastoni, gratta e scopri
Le radici che crescono verso la profondità.
Scegli con fermezza le tue radici,
La papa non deve tremare
La terra non si deve seccare!
Quando la papa terrà,
Quando la papa sarà solida,
Quando sarai un tutt’uno con quella papa,
Ti alzerai!

A tià!
A tià i nia
E a nana na i muri,
I muri roa i to tua,
I muri roa i te pae raì,
A nana na i to vaa tupuna
I te muturaa i te àre poopoo,
Te àre o te faaìnoraa
No te tipae mai i to àau…
A teòteò e a faarii hau,
A faarii i to òe parau,
I to iho tumu e i to taère,
Te taaatoàraa o to òe parau
Ei ôrama e arataì hau ia òe
I to oraraa…

Alzati!
Ti alzerai
E guarderai indietro,
Lontano dietro al tuo dorso,
Più lontano dell’orizzonte,
Vedrai la tua piroga ancestrale
Fendere il cavo delle onde
Le onde del disprezzo
Per arrivare alla tua anima…
Sii allora fiero e accetta,
Accetta chi tu sei,
La tua identità e la tua sapienza
Accetta pienamente chi tu sei
Come in una visione per farti guidare
Nella tua vita…

Te papa âpī.
E i reira noa òe,
E patu maite ai
I nià i teie papa tahito,

La nuova papa (roccia di fondazione)
Solamente là,
Costruirai
Su questa papa antica,

I te tahi papa âpī,
To òe iho papa…
I reira no òe
E tāvai ai i teie papa
I te noànoà o te fenua…
I reira noa òe,
E hiò ai i to mouà,
E tii ai i te Rā,
E tii ai i te Ô a Rā,
Mai te unu i te marae
Ia toro o ia i te àpu i nià,
Mai te tumu ùru i te maru a peho,
Ia paùma o ia i te maramarama…
E te tama e,
A tōmaa to âvae i to papa
Ia mau maite teie papa
Ei papa paari
Mai te papa a ivitua
Mai te tua ia papahia,
Mai te paparaa a tupuna…

Una nuova papa,
La tua papa…
Solamente là
Ungerai questa papa
Con le fragranze del paese.
Solamente là,
Ti alzerai,
Cercherai Rā, il sole
Cercherai’O a Rā (il dono del sole) la vita
Come l’unu sul marae
Quando si tende verso la conchiglia del cielo,
Come il tumu ‘uru (albero del pane) all’ombra delle vallate
Che cerca la luce
O bambino
Allarga le tue gambe sulla tua papa
Che questa papa sia stabile
Che questa papa sia solida
Come una vertebra della colonna
Come il susseguirsi delle generazioni,
Come la genealogia…

E te tama e,
A tuitui rā teie paparaa,
Teie paparaa a tupuna,
Teie mau ivi tua
I te hono mutu òre,
Te hono a here,
Te hono aroha,
Ia òre tei tua àivi,
Ia òre teie paparaa tupuna
Ia purehu…

O bambino
Infila questa pila
Questa genealogia
Queste vertebre della colonna
Di questo legame indefettibile
Di questo luogo d’amore
Di questo luogo di pace
Affinché questa colonna,
Affinché questa genealogia
Non crolli mai…

A rahu e a māhora!
E te tama e,
I nià rā i to òe iho papa,
Te papa o ta òe i papa aroha
I nià i te papa metua,
I nià i te papa a tupuna,
A tū e
A tūtonu i te muri a pae raì,
A tū e a tii i te Rā,
A tū e a tii i te ora,
A tū e a pāfaì i te mana,
Teie mana, te mana a Rā,
Oia hoì,
Te Mana a Rahu!

Creazione e fioritura!
O bambino
Sulla tua papa
La papa che hai impilato
Impilato sulla papa dei tuoi genitori,
Impilato sulla papa dei tuoi antenati,
Tieniti in piedi
Scruta oltre l’orizzonte,
Tieniti in piedi e cerca Rā, il sole,
Tieniti in piedi e va a cercare la vita,
Tieniti in piedi e prendi il potere,
Questo potere, il potere di Rā, il sole,
Cioè,
Il potere della creazione!

Ē, a haru i teie mana,
Te mana moà a rahu,
Ia òre hoì te remu a peu vāvi,
Te remu a peu mātou-noa-hia
Ia ninamate ia òe….
A rahu…
O te Rahu hoì te ora!

Serviti di questo potere,
Del sacro potere della creazione,
Affinché la schiuma della superficialità,
La schiuma delle abitudini
Non copra il tuo sudario.
Crea
La creazione è vita!

E te tama e,
A tuatapapa
I te papa a tupuna
A papa i to òe iho papa
A tū atu
A rahu atu
E a māhora.

O bambino,
Studia, impara
La papa fondazione ancestrale
Costituisci e impila la tua papa
Alzati sulla tua papa
Crea
E fiorisci!

Te paparaa moà.
E te tama e,
A papa atoà i te papa
E nati i to tāhito,
I to teie nei tau,
E i to a muri atu.

La sacra pila
O bambino,
Realizza la pila
Che unisce gli antichi
Ai contemporanei
E a coloro che verranno

A taparuru atu to âvae,
I te papa fenua,
Te papa a tupuna,
E a mau atu i te unu,
E a toro atu i te reva,
I te papa i nià ra
Ia tupu mau ā te Hono…

Martella con i tuoi piedi
La papa della terra,
La papa ancestrale,
Raccogli l’unu,
Brandiscilo al cielo,
Al papa dell’alto,
Affinché si realizzi il legame…

1o Quadro
Cos’è un Mā’ohi senza la sua lingua?
É una piroga errante sull’oceani!
È un fantasma nella vita!
La parola è all’inizio,
La parola è alla fine…
La lingua è la piroga
Del sapere e della saggezza.
La lingua è il pilastro
…Dell’anima…

2o Quadro
O bambino,
Nutriti della tua lingua come ti nutri dei tupa, granchi.

Tupa tupa tupa e
Tupa tupa tupaha chiacchierone
Tupa tupa tūpapa saccheggiatore
Tupa tupa tūpapa’u cadavere

Tupa’i, tupa tupa e
Tupa’i tupa tupaha
Tupa’i tupa tūpapa
Tupa’i tupa tūpapa’u

battete il granchio, il granchio
battete il chiacchierone
battete il saccheggiatore
battete il cadavere

3o Quadro
O bambino
Apri le orecchie
Al mormorio della terra…
Sentirai il cuore suono dei pahu
Glorificare la vita,
Le onde percuotono le falesie, suono dei taripahu
I tronchi degli alberi risuonano nel marae (luogo di culto) suono dei to’ere
I piedi corrono nelle vallate, suono dei ha’akete
I bambù si incrinano per il caldo, suono dei pihara
L’anima del Pō (notte) piange… suono del vivo (flauto nasale)

O bambino
Apri le orecchie
Perché la tua anima accolga in pace
Le offerte della terra!

4o Quadro
La terra è la conchiglia del basso
La conchiglia della donna
Questa conchiglia innaffiata dalla pioggia,
pioggia di vita della conchiglia dell’alto!
La terra è nostra madre,
Il ventre che accoglie la tua placenta,
La tua placenta dove le tue radici si sono estese,
Dove l’albero si è eretto,
Dove si ergono i tuoi antenati,

Dove anche tu di ergerai…
E quando la notte ti chiamerà,
Dalla riva della tua vita,
Nella terra anche
Tu sarai piantato…
In questa terra ancora,
Germoglierai
Nuovo virgulto
O bambino,
La terra è il padre,
Il padre dell’uomo!
Perché
La terra è l’uomo
E l’uomo è la terra…

5o Quadro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − 2 =