Tahiti: la leggenda polinesiana di Mo’o Tua Raha – approfondimento

Filed in e s t e n s i o n i by del 10/01/2015

torna all’articolo principale

 

Svolgimento della danza

Orero 1
’Ote’a tane (tane: uomini)
’Ote’a vahine (vahine: donne)
Orero 2
’Ote’a amui (amui: insieme)
’Ori tahito vahine
’Ori tahito tane
Aparima vahine
Orero 3
’Aparima tane
Orero 4
’Aparima Amui

L’orero o parola dorata, è una declamazione di arte oratoria; la ’ote’a è una danza guerriera, con movimenti rapidi, cadenzati dalle percussioni, può essere femminile (vahine) o maschile (tane); la ’ori tahito (ossia danza del passato) è la competizione solista volta a celebrare il migliore ballerino o la migliore ballerina; la ’aparima è una danza morbida e graziosa, ricca di sensualità.
Ogni momento della danza ha la sua peculiarità; durante l’orero vengono declamati i versi (che in reo ma’ohi, la lingua polinesiana, vengono scritti con la massima attenzione alla musicalità delle parole, oltre che al loro significato), l’orchestra cadenza sommessamente il ritmo (tum, tum tum…) e i ballerini, se presenti in scena, spostano semplicemente il peso del corpo da un piede all’altro, seguendo il suono dei tamburi. Tutta l’attenzione è per la figura del narratore, per lo svolgimento intenso della leggenda.
Durante la ’ote’a, l’orchestra con le sue percussioni impone il veloce ritmo della danza che ballerini e ballerine eseguono abilmente.
La ’aparima viene riservata a momenti più intensi emozionalmente come canzoni d’amore, addii; all’orchestra di percussioni tradizionali si aggiungono strumenti a corda come l’ukulele e la chitarra, il flauto nasale, il vivo, con il suo morbido suono; il testo della canzone viene cantato da un coro, nella Hura Tapairu composto da due, massimo tre persone. Il gruppo Manohiva ha presentato come ‘Aparima Vahine il canto Ua Here Ho’i Au (ho amato), che si puo paragonare per la sua intensità all’aria della Tosca di Puccini “Vissi d’arte, vissi d’amore…”
Nel coro canta Teiva LC, che con la sua voce ha accompagnato la moglie, danzatrice del gruppo Manohiva: Teiva ha partecipato a The Voice France 2014 e ha vinto il Tahiti Music Awards, categoria Artista Maschile dell’Anno.
La ’Ori Tahito Vahine e Tane sono un “a solo” della migliore ballerina e del migliore ballerino del gruppo, che, accompagnati dalle percussioni dell’orchestra, si esibiscono eseguendo con esattezza i movimenti fondamentali di questa danza.

Il testo della leggenda elaborato da Manohiva

Orero 1

’Āhē ! Te aumihi nei ’oe ia Mo’o-tua-raha e Paiti’a ē !
’Āhē Paiti’a ē ! Inaha, ’ua fānauhia ’oe !
E ’ua fānau, e tama ē, te oho o te mate’ono tapu !
ʼA po’o’ā mai na i tō tari’a,
ʼA ʼai mai i te ʼā’ai ’o Mo’o-tua- raha,
Vahine taetaevao, vahine mo’o.
ʼEnā te ʼono o te vahine i te tāne,
ʼEnā te hotu o te mate ʼono tapu i pū mai
mai te uriuri o te ana ’o Vai-Tu-‘Oru.
ʼA hāro’aro’a   i te ahoaho   o te hō’ē metua
vahine maia’a, metua vahine mo’o : tē
pīna’ina’i ra ānei ?
Tē fa’aro’o nei ʼoutou i te māuiui haehae tei
fao nei i tō ʼōpū?
ʼA fa’aro’o na i te mamae ʼānimara : ʼa hi’o na
i tō ʼiri tei re’ahia i te pao mure ʼore o te ora.
Nō te here o te ʼi’o tapu, nō te here ’e te aroha
o tōna ʼi’o he’e.
ʼIa vevo te aho hani tei vevo i roto i te ana nō
Vai-Tu-‘Oru i ni’a i te papa o tō ʼoutou
vāite… fētītīra’a ia o te mau vārua fefe ’ore i te ta’a’ēra’a.

Povero Paiti’a! Pensare a Mo’o Tua Raha ti fa languire!
E tu sei nato, o Pai Ti’a! Frutto di un amore proibito!
Tendete l’orecchio, ascoltate la storia di Mo’o Tua Raha,
femmina animale, femmina rettile.
Guardate l’amore di una donna per un uomo,
guardate il frutto della passione proibita nascere
nella penombra delle cavità di Vai Tu ’Oru.
Sentite il dolore bestiale che rode le sue viscere?
Ascoltate lo sconforto dell’animale: guardate la sua pelle
dorata per i morsi immutabili della vita.
Per l’amore della carne proibita, per
l’amore della sua carne bandita.
Affinché il soffio d’amore che ha echeggiato nella
grotta di Vai Tu ‘Oru risuoni nelle
pareti della tua anima… E liberi gli
spiriti indifferenti alla differenza.

Orero 2

I uta,
ʼōmo’emo’e te peho mo’e i te aro,
ʼIa aneane ʼe ʼia hauto’eto’e te mata’i,
E hātuatuahia nā tino rua ’o Mo’o-tua-raha ʼe
’o Pai-Ti’a i te here ʼe te hia’ai.

ʼUa ahi te tauhanihani,
ʼUa rē te hae i te tahi ʼe te tahi.
I mua i te aro ’e te horomiri a te purotu
(navenave),
ʼUa hi’a te maro o te ari’i Pai-Ti’a.
Fefe ihora ’oia i mua te a’ia’i o Mo’o-TuaRaha ʼe fati atura.
’Ua mure te tao o te ari’i.
I mua i teie tāne pāutuutu tītari,
ʼUa hi’a te ʼahu o Mo’o-Tua-Raha.
Topa ihora te turi i te remu,
Fao atura te ʼōmore o te Ari’i i tōna ana.
Vera atura rāua i te mate’ono ʼe reva ihora
rāua i te ra’i tuatini.
’Ua nave pūmahana to tino.
’Ua tinitini te navenave pūmūhanahana o te
tino.
Inaha, ’ua fānau.
E ’ua fānau mai te oho o teie hani ti’a ’ore
E ’ua fānau mai te hua’ai o teie mate’ono tapu
Hua’ai tei arata’i ia Mo’o-tua-raha i te pohe ʼe
ia Pai-Ti’a i te ha’amā.

Nella vallata misteriosa,
al riparo degli sguardi,
quando l’aria era pura e fresca,
l’amore ed il desiderio invadevano Mo’o Tua Raha e Pai Ti’a.
Le carezze si infiammavano,
il desiderio di possedere l’altro prendeva il sopravvento.
Davanti a lei, sotto le carezze della bella,
la cintura del capo Pai Ti’a cade.
E quest’ultimo si piega alla bellezza di Mo’o Tua Raha e cede.
Affonda allora la sua lancia per possederla.
Davanti a questo uomo forte ed attirante,
Mo’o Tua Raha si sveste.
Le sue ginocchia cadono sulle erbe rinfrescanti della terra bruciante,
lei apre la sua grotta per ricevere la lancia del sovrano.
Bruceranno d’amore appassionatamente e
spiccheranno il volo verso il firmamento.
Raggiunsero l’orgasmo pari a mille soli.
Durante questo amore proibito nacque un
bambino
di questa passione proibita nacque un erede che condurrà Mo’o Tua Raha
alla sua perdita e Pai Ti’a al disonore.

Orero 3

Uri te pō,
Uri te ao i uta i te fa’a nui.
Ta’i te pū i roto i te ana mo’e o te mo’o nui ra
e.
Te tāvevovevo nei te vevo o te ‘ārere,
Pīna’ina’i iho ra te ‘aepau o te metua vahine
maia’a,
’Ōtu’itu’i atu ra te ‘ā ‘au o te metua vahine
mo’o.
Uri te pō,
Uri te ao i uta i te peho ‘ōmo’emo’e.
Te ta’i nei te pū !
Enā te tau ia tū ho’i te parau mau!
E aha atu ra ia te tau o te parau o te here e te
aroha?
Enā te ta’i o te pū!
Te fa’a’oto’oto ra te parau hotu.
E aha atu ra ia te parau o te huā’ai o Mo’o-TuaRaha?

Densa è la notte,
intensa è la giornata nella grande vallata.
La conchiglia risuona nella grotta della grande lucertola.
Allora che la voce del messaggero risuona,
l’ultimo soffio della madre animale echeggia,
il suo cuore si mette a palpitare.
Densa è la notte,
intensa è la giornata nella vallata misteriosa.
Ascoltate la conchiglia che risuona!
Guardate, il tempo della verità è là!
Cosa è stato del tempo in cui l’amore
primeggiava?
Ascoltate la conchiglia che risuona!
Annuncia infine il tempo della profezia.
Cosa ne sarà della discendenza di Mo’o Tua Raha?

Orero 4

Terā mai te huā’ai ’o Pai-Ti’a,
Huā’ai manahune,
Huā’ai o te Ari’i
Oho o te mate’ono tapu.
Terā mai te tama maia’a, te tama mo’o, te tohe
pa’o o tei ti’a mai nei i mua i te nuna’a i
tahatai i Ha’apaiano’o.

Ecco la discendenza di Pai Ti’a,
discendenza del popolo,
discendenza dell’ari’i
frutto dell’amore proibito.
Ecco dunque il bambino animale, il bambino rettile dal
Sedere sporco di terra che si alza davanti al popolo sulle
rive di Ha’apaiano’o.

 

 

 

logo-Manohiva

© Tutti i testi e le musiche sono proprietà intellettuale del gruppo Manohiva:

Poerava Taea, capo del gruppo e coreografa
Taero Jamet, coreografo uomini
Iori Tuiho, presidente e responsabile comunicazione
Anthony Tirao, costumista
Reiarii Rochette, coordinatrice prove donne

 

Tags: , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *