Raccontata in un libro la visita apostolica che ha segnato la storia degli arbëreshë

Filed in arbereshe, italia, News, News ed eventi by del 17/01/2019
Print Friendly, PDF & Email

visita apostolica di giovanni mele

Gaetano Passarelli, La visita di Giovanni Mele ai paesi arbëreshë di Calabria e Lucania nel 1918, Graphe, Perugia 2019, euro 24,50.

 

La visita apostolica di don Giovanni Mele ai paesi di origine albanese (arbëreshë) di tradizione liturgica bizantina della Calabria e della Lucania è senza dubbio da annoverare tra i documenti importanti per servire alla storia dell’Arbëria.
È una testimonianza della situazione storica, cultuale, culturale e antropologica di queste comunità nel secolo scorso. I paesi descritti andarono a formare la prima diocesi di tradizione bizantina in Italia e l’estensore divenne il suo primo vescovo.
Il testo della Visita è preceduto dalla relazione (Ponenza) tenuta dal cardinale Niccolò Marini all’Assemblea Plenaria dei cardinali il 19 novembre 1917 “intorno ai provvedimenti da adottarsi per l’amministrazione spirituale dei fedeli Albanesi di rito greco di Sicilia e Calabria”, perché costituisce un’introduzione completa ed esauriente alla problematica che riguardava quei determinati paesi. Un documento ufficiale da cui si ricavano gli antefatti, le proposte, le posizioni e le decisioni, che inquadrano e chiariscono in modo inequivocabile l’origine della visita.
È seguito dalla relazione (Ponenza) del cardinale Aidan Gasquet su La visita alle colonie greche della Calabria e sulla nomina del primo Vescovo Ordinario per le medesime alla Plenaria del 10 febbraio 1919, in modo da conoscere come è stata recepita e quali conseguenze ha avuto.
Queste due relazioni costituiscono una preziosa cornice all’edizione della Visita, che permettono di recepire senza intermediazioni sia le motivazioni che portarono alla nascita della diocesi bizantina della Calabria, sia l’origine e lo sviluppo della candidatura di Mele, sia anche la consapevolezza di quale fosse l’ambiente religioso, culturale e morale in cui si stava operando.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 19 =