Muoviti Piemont… ma fallo davvero

Filed in piemont liber, piemontesi by on 30/12/2019 0 Comments

bogia piemont manifestazione coldiretti

Un enorme striscione con la scritta Bogia Piemont ha caratterizzato in senso identitario la grande manifestazione organizzata l’11 dicembre a Torino dalla Coldiretti. Perché fosse ben chiaro da qual parte batteva il cuore dei contadini arrabbiati, anche diverse decine di cartelli erano scritti in lingua piemontese.
Il fatto, naturalmente non rilevato dalla busiarda e dai fogli conformisti, assume per noi grande importanza perché erano anni che manifestazioni popolari così imponenti non ostentavano simboli riconducibili alla Patria Cita.
Con rammarico e disappunto, abbiamo in un triste passato assistito ad iniziative partitiche dove il drapò con croce e lambello appariva lordato ed oltraggiato con la stolta sovrapposizione del guerriero “lumbard” di Legnano, estraneo ad ogni nostra tradizione e, per di più, icona d’invenzione risorgimentalista.
Con i simboli piemontesi della Coldiretti si è voltato pagina e l’identità linguistica regionale si emancipa dalle sterili conventicole dei culturalmente castrati “cultori dialettali”? Difficile dirlo, perché l’organizzazione dei campi non ha mai mostrato d’avere effettive volontà di contrapporsi al sistema partitocratico. Ma l’uso della nostra lingua in pubblico e per un’iniziativa politica è comunque un fatto positivo. E mette di fronte alle proprie responsabilità quel “Consiglio Regionale”   che ha suonato le trombe sostenendo che il Piemonte ha raggiunto l’autonomia con l’accordo di vertice siglato a Roma, che ci concede (bontà sua!) qualche marginale competenza, non tiene a Torino un solo euro delle nostre tasse che finiscono tutte nel magna magna romano e non garantisce (specie nella scuola) un posto di lavoro pubblico che uno ai residenti.
Bogia Piemont, certo, ma fallo contrastando politicamente i partiti centralisti. Quello di “prima gli italiani” innanzi tutto.

 

bogia piemont manifestazione coldiretti

 

“Bogia Piemont”, ma fa-lo da bon

‘N badial bindel marcà “Bogia Piemont” a l’ha definì an manera nostran-a la granda dimostrassion anandià l’11 dë dzembèr a Turin da la “Coldiretti”.
Përché a fussa bin ciàir da che part a batìa ël cheur dij campagnin anrabià, ‘dcò vaire desen-e ‘d pancarde a l’ero scrite an lenga piemontèisa.
Cost cit fàit, ciàirament nen armarcà da la “busiarda” e da j’aotre gasëtte ginojon ai potent, a l’é nopà ‘d grand valor per nojaotri, përché a l’ero ani che dimostrasion con tanta partessipasion popolar a mostravo nen segn ch’armando a nòstra “Patria Cita”.
Con ringret e dëspiasì, i l’oma s-ciairà ant un passà sagrinà a dle adunanse partitiche andova ‘l “drapò” con cros e lambel as tirava fòra, macià e dëspresià, marcandlo fabiòcament con la sagoma dël batjeur “lumbard” ‘d Legnan, strangé a nòstra tradission e dritura mistà risorgimentalista.
Con j’amblema piemontèis dla “Coldiretti” a s’é virà pàgina e ‘l moro lenghistich regional a seurt da le van-e combrìcole dij “nostalgista dialetaj” sensa bale?      
A l’é non facil dì-lo përché l’associassion dij campagnin a l’ha mai fàit mostra ‘d contrarié le régole dla cracia partitica. Ma dovré nòstra lenga piemontèis an publich e l’é an tuti ij cas ‘na bela còsa.
E a buta dëdnans a sò dover col “Consej Regional” ch’a l’ha sonà trombëtta criassonand che ‘l Piemont a sarìa giumaj rivà a l’aotonòmia con ij pat marcà a Roma daj caporion. ‘N acòrd bon a nen e ch’a l’ha dàit a la Region (che benevolensa!) pòchi pòdej ‘d bordura; a ten gnanca ‘n sòld dle nostre contribussion a Turin e le arsòrse a finisso tute ant ël raminon roman antërmentre ch’as garantiss gnanca ‘l travaj a coj dël pòst.
Sicura, “Bògia Piemont!”, ma fà-lo butandse politicament contra ij partì ch’a fan ancëtta ‘d arsòrse e ‘d autorità. E fra loràutri col ch’a criassa “Prima gli italiani”.
 
  
 

Tags:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + diciotto =