Che fine ha fatto il piemontesismo?

Filed in piemont liber, piemontesi by on 14/02/2020 0 Comments

La notizia che una delle più vecchie associazioni piemontesiste, il “Sol ëd j’Alp”, ha cessato di operare, mi ha profondamente addolorato. Attivissimo quando era vivo il suo fondatore Gioanin Ross, il sodalizio biellese ha pubblicato per anni un giornale tutto in lingua piemontese che fin dal titolo di “Tron e lòsna” (tuoni e lampi) annunciava una riscossa culturale (“sturm und drang”), aveva per emblema il sole delle Alpi, organizzava corsi nelle scuole e affollate conferenze. Ora è tutto finito.
Qualche settimana fa ha gettato le armi anche un altro gruppo che, nientemeno, proclamava di essere la fortezza indomita della piemontesità, e prima ancora il giornale “Alp” ha cessato le pubblicazioni spiegando di non avere problemi di soldi ma di non ricevere più articoli e collaborazioni. A Torino, le poche e boccheggianti associazioni culturali vengono schiacciate dal predominio dei pagliacci che confondono identità piemontese con sabaudismo, contrabbandando il peggior nostalgismo.

piemontesismo fine

Miro Merelli (“Etnie”) durante una conferenza nella sede del Sol ëd j’Alp. Alle spalle, il simbolo dell’associazione.

Siamo alla frutta?
La responsabilità di questa deriva è ovviamente dei tanti personaggi equivoci che in questi anni hanno abilmente seminato zizzania, sparso a piene mani il seme del dubbio, fomentato litigi e dissidi, impedito con ogni mezzo la formazione (la rinascita) di un movimento politico autonomo e indipendente.
Non meno gravi le colpe delle forze politiche istituzionali.
Fino a qualche anno fa, grazie a una legge regionale fortemente voluta da Anna Sartoris che rappresentava l’Union Piemontèisa, venivano finanziati decine e decine di corsi di lingua e cultura piemontese nelle scuole, che oggi non ci sono più. In vista delle elezioni, certi politicanti chiamavano a raccolta i creduloni rappresentanti delle associazioni e promettevano grandiose azioni a sostegno della nostra identità linguistica, raccattavano qualche voto e poi non facevano niente.
Alle ultime votazioni, ha prevalso lo schieramento di Destra, dove la fa da padrone il gruppo politico che sbraita “prima gli italiani” e al contempo si proclama ipocritamente “piemontesista” dopo essere stato per anni “padanista”, creando ad arte confusione e disorientamento.
I nuovi governanti si sono spesso esibiti come strenui difensori dell’autonomia regionale e hanno spiegato a noi poveri villici che i previsi accordi di vertice con Roma porteranno a un vero autogoverno e ci sarà benessere e prosperità per tutti.
In realtà, non c’è autonomia se nelle scuole imperversano gli insegnanti venuti da fuori, se i programmi scolastici non sono rispettosi della nostra autentica storia e soprattutto se non si insegna a tutti (anche agli immigrati!) la nostra lingua regionale, indice sintetico della nostra “nazionalità”.
Ma questo non interessa ai nuovi potenti di palazzo Lascaris, anche perché sanno che nessuno alza la voce a nome del nostro Popolo colonizzato. La “piemontesità” é alla fine ? 

piemontesismo fine

 

La “piemontèisità” a l’é a la fin?

A l’ha ancreusament sagriname la neuva che un-a dle pì veje companìe piemontèisiste, ël “Sol ëd j’Alp” a l’ha piantà lì ‘d fosoné. Quand a l’era viv sò anandior Gioanin Ross costa companìa bielèisa a l’a publicà për vàjre ann na gasëtta tuta an lenga piemontèisa che fin-a dal tìtol ’d “Tron e Lòsna” a nonsiava ‘n arvangia coltural (“sturm und drang”), a l’avìa për ansëgna ël sol ëd j’Alp, a prontava lession ant le scòle e conferense pressà ‘d gent. Adess a l’é tut finì.
Chèich sman-a andarera a l’ha campà j’arm ‘dcò ‘n grup che, adritura, a ciarambava ‘d esse ‘l vajantos rampar dla piemontèisità e prima ancora ‘l giornalët “Alp” a l’ha tirà ël pì glorios s-ciairend ch’a l’avìa nen mancansa ‘d sòld ma ch’arsevìa pì nen articoj e colaborassion. A Turin le nen vàjre e arsajante associassion colturaj a ven-o sgniacà da la padronansa dij buracio ch’a angarbojo identità piemontèisa col sabaodism, sfrosand ël pì gram nostalgism.
Soma a la fruta?
La colpa ‘d cost desrajé  a l’é naturalment dij tanti nen ciàir papàver  che an tuti costi ann con furbarìa a l’han sëmnà la zizania, spatarà a pien-e man lë smens dël sospet, cissà ruse e bërbote e antrapà an tute le manère la creassion (l’arnàssita) d’ un moviment politich aotònom e andipendent.
Nen pì cite le responsabilità dle fòrse politiche istitussionaj.
Fin-a a chèich ann andarera. mersì a ‘na lège regional volùa con decision da Anna Sartoris ch’a batajava për l’“Union Piemontèisa”, la Region a giutava coj sòld vàire lession ëd lenga che ancheuj as fan pì nen. A la vista dle votassion, chèich politicant a l’ha ciamà a l’archeujta ij bonomet portavos dle associassion ampromëttend imponente assion an apògg a nòstra identità lenghistica, a rabastava un pòch ëd vot e a fasìa peuj gnente.
A le ùltime votassion, a l’ha vagnà la formassion ëd Drita, andova a fa da padron ël grop politich ch’a criassa “prima gli italiani” antrementre ch’as proclama “aotonòmista”, dòp esse stàit për ann “Padanista”, creand malissiosament confusion e pastiss.
Ij neuv governant a l’han vàire vòlte dasse la sagna ‘d difensor dl’aotonòmia regional e a l’han s-ciairì a nojaotri pòvri campagnin che le combin-e con Roma a faran nasse ‘n ver aotogovern e ai sarà salam tacà le ciovende për tuti.
A ben vardé, a j’é nen aotonòmia se ant le scòle a la fan da padron ij magister rivà da fòra, se ij programa scolastich a l’han nen riguard dla nòstra stòria genìta e dzortut s’as mostra nen a tuti (dcò a con ch’a rivo da via!) nòstra lenga regional, sëgn nen dubios ‘d nòstra “Nassionalità”.
Ma sòn a rësguarda nen ij neuv tòch gross ‘d palass Lascaris ‘dcò përché a san che gnun a aossa la vos për nòstra Gent colonisà. La “piemontèisità” a l’é a la fin?

 

 

 

 

 

 

 

Tags:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + quattordici =