Tre giorni in compagnia dei Qero, gli ultimi discendenti degli Inca

Filed in geografia, perù, qero, viaggi reportage by del 11/11/2019
Print Friendly, PDF & Email

Ultimi discendenti della grande civiltà precolombiana e detentori del misticismo andino, vivono a 5000 metri di altitudine tra le Ande peruviane. Siamo stati loro ospiti presso il villaggio di Q’Ollpacucho (Nacion Qero) per tre giorni.

qero discendenti degli inca

Bambina q’ero in cammino verso il proprio villaggio.

A 5000 metri sulle Ande Peruviane, in un territorio che non è catalogato da (quasi) nessuna mappa, vivono i Qero. I membri di questa comunità sono considerati gli ultimi discendenti del popolo inca. L’intera popolazione abita nel territorio chiamato Nacion Qero, nella provincia di Paucartambo (Cusco). Questo vasto territorio è formato da 5 grandi comunità (Marcachea, Qero Totorani, Hatun Qero, Quico, Japu) e ognuna di esse è costituita da tanti piccoli villaggi in cui vivono solo poche famiglie. L’intera Nacion Qero conta oggi circa cinquemila abitanti. I Qero vengono spesso chiamati “popolo delle nubi” proprio perché le immense vallate della Nacion sono perennemente avvolte dalle nuvole e circondate da ghiacciai.
Incontrare i Qero e avere la possibilità di trascorrere alcuni giorni con loro ci ha permesso di entrare in contatto diretto con una cultura impregnata di un profondo misticismo. Questa popolazione conserva intatti rituali, usi e costumi ancestrali.

qero discendenti degli inca

Valle dove è ubicato il villaggio di Q’Ollpacucho.

Il mondo spirituale

I Qero hanno conservato l’antico retaggio culturale e mistico del popolo inca, tramandandolo di generazione in generazione fino ai giorni nostri. Riferendosi al complesso di credenze, rituali e pratiche dei Qero è sempre corretto adottare il termine cosmovisione piuttosto che religione. Essi infatti non hanno un pantheon di divinità, ma un insieme di “entità” che regolano l’esistenza e la vita del Cosmo intero. La loro spiritualità è basata su una costante ricerca di armonia e connessione con la Natura e il Cosmo. Nella cosmovisione del popolo delle nubi ci sono tuttavia due entità principali: Inti (il Padre Sole) e la Pachamama (la Madre Terra). 

qero discendenti degli inca

Sciamano q’ero impegnato in un rituale.

Dal punto di vista dei Qero, il Cosmo è regolato da un’unica grande e immanente forza, il Kausay Pacha (Energia del Cosmo). In lingua quechua, kausay rappresenta tutto ciò che è Vita, Vitalità ed Energia, mentre pacha è l’unione di Spazio e Tempo visti come una dimensione unica. Questa energia che regola e mantiene in vita il Cosmo e tutti gli esseri viventi che lo abitano non ha una caratterizzazione specifica. Si tratta di un’energia che non è né positiva né negativa, bensì è l’essere umano a percepirla come fine (samy in quechua) o pesante (jucha in quechua). Le pratiche qero hanno infatti lo scopo di tenere in costante movimento questa energia (ayni in quechua) rendendola fine ed eliminando la parte pesante.

qero discendenti degli inca

Misha Qero, altare “portatile” che contiene il potere del sacerdote.

I sacerdoti qero

All’interno di ogni villaggio qero ci sono individui che hanno la responsabilità di guidare il proprio gruppo in questo “cammino nell’energia”. Il loro compito consiste nel dialogare con il Cosmo e assicurare la salute fisica e spirituale della comunità.
Esistono due tipologie di sacerdoti, ognuno dei quali prevede diversi livelli di consapevolezza e abilità: i Pampamishayoq e gli Altomishayoq. La differenza tra i primi e i secondi sta nel grado di connessione con il Cosmo e nel tipo di poteri che possono acquisire nel corso della propria vita. I primi agiscono tramite una complessa serie di tecniche e rituali ben codificati e il loro sapere è trasmissibile, anche al di fuori della famiglia. I secondi invece, più potenti, sono scelti direttamente dagli Apu (gli spiriti guardiani delle montagne) e sono per questo in connessione diretta con il Cosmo.

qero discendenti degli inca

Il rituale del Despacho, offerta alla Madre Terra.

Il Despacho, offerta alla Pachamama

Una delle pratiche più diffuse tra il popolo qero è il Despacho, un’offerta alla Pachamama. Questa offerta può assumere diversi aspetti a seconda che si tratti di una richiesta dell’intera comunità alla Madre Terra, di una necessità del singolo individuo o piuttosto di un rituale di semplice connessione con la Natura che sostiene il popolo e ne garantisce la vita. In ogni Despacho è sempre rappresentato il Cosmo intero nei suoi aspetti di maschile e femminile. Simile al mandala tibetano, questo elaborato rituale può apparire come una composizione artistica di un sacerdote ispirato ma, in realtà, la sua creazione segue criteri abbastanza rigidi affinché gli elementi fisici che lo compongono possano fungere da catalizzatori dell’energia necessaria.

qero discendenti degli inca

Composizione del Despacho.

Meditazioni

La parte forse più complessa dell’insieme di pratiche spirituali qero è quella delle meditazioni. Queste pratiche servono a mettere in movimento l’energia pesante trasformandola in energia fine, leggera e quindi benefica per l’uomo.
Tra le meditazioni cui abbiamo potuto prendere parte durante la nostra permanenza presso i Qero ci sono il Saminchakuy e il Saiwachakuy. Il Pamapamishayoq da cui siamo stati ospitati ci ha spiegato che la prima pratica serve a rilasciare energia pesante verso la Pachamama, come una specie di doccia energetica dall’alto verso il basso per purificarsi; la seconda, invece, fa il movimento opposto e quindi trae energia fine dalla Madre Terra.

qero discendenti degli inca

Sciamano qero in cammino verso il luogo del rituale di meditazione.

Come vivono

Il popolo qero tende per sua natura alla semplicità, tanto nella cosmovisione quanto nella vita quotidiana (che è comunque impregnata dal misticismo). La loro vita scorre in totale armonia con la natura che li circonda e da cui traggono quasi tutto ciò di cui hanno bisogno. Le piccole case altro non sono che capanne in mattoni con tetto in paglia e pavimento in terra battuta. All’interno di queste piccole abitazioni c’è sempre un unico grande focolare che funge da forno e riscaldamento, ed è alimentato da erbacce ed escrementi secchi di lama. A causa del territorio poco ospitale e scarsamente produttivo, la dieta è basata quasi esclusivamente sulle poche varietà di patate che riescono a coltivare a 5000 metri di altezza. A queste ogni tanto aggiungono piccoli pezzi di carne di lama essiccata, come successo durante la prima cena che abbiamo fatto con loro. Un’altra caratteristica fondamentale di questo popolo incredibile è il loro fortissimo senso di comunità (Ayllu in quechua). Il legame di affetto, rispetto e cura reciproca tra gli abitanti di un singolo villaggio va al di là della parentela diretta, esistendo soltanto una grande famiglia.
L’economia è basata in minima parte sul denaro, giunto in questi luoghi remoti tra le Ande solo 60 anni fa e che serve oggi per integrare la dieta, mandare i bambini a scuola (ne esiste una ogni tot villaggi) e acquistare altri beni come i vestiti. Le due principali fonti di guadagno per i Qero sono i (rari) viaggiatori che li vanno a trovare e le spedizioni compiute dai sacerdoti al di fuori dei confini della Nacion Qero.

qero discendenti degli inca

Donna q’ero che tesse la lana di lama presso il villaggio di Q’Ollpacucho.

Come raggiungerli

Nonostante la Nacion Qero non compaia sulla maggior parte delle mappe e le agenzie specializzate sembrino scoraggiare il viaggiatore solitario, raggiungerla da soli non è impossibile. Il nostro viaggio è iniziato a Cusco, da cui abbiamo raggiunto Paucartambo in 2 ore di minibus. Da qui è necessario contrattare un passaggio in taxi verso Chua Chua, che si raggiunge in 3 ore su strada non asfaltata. Questo piccolissimo centro è il vero punto di ingresso per la Nacion Qero e il miglior luogo per trovare una guida che possa anche ospitarvi. A Chua Chua termina la strada percorribile da mezzi a quattro ruote. Il villaggio in cui siamo stati ospiti, Q’Ollpacucho, si trova ad altre 2 ore di cammino.
Data la vastità della Nacion Qero, questa è ovviamente solo una delle possibili destinazioni e percorsi.

qero discendenti degli inca

 

N O T E

Sui Qero vedi anche questo reportage.
Gli autori: The Quantum Compass è un progetto iniziato nell’aprile 2019 da due giovani viaggiatori italiani, Alessia Maiolo e Federico Ferrauto, che hanno intrapreso un lungo cammino alla scoperta delle culture locali e tradizioni ancestrali dell’America Latina. Il viaggio, documentato sul loro sito, li ha portati a entrare in contatto con il sapere millenario di alcune popolazioni indigene.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − due =