La minaccia peggiore agli ebrei viene dal Corano

Filed in Antologia Stampa by del 18/11/2019
Print Friendly, PDF & Email

antisemitismo viene dal corano

Nel Regno Unito 24 intellettuali guidati da John LeCarré hanno annunciato che alle elezioni generali del 12 dicembre non voteranno per Jeremy Corbyn accusandolo di non aver voluto o saputo frenare le tendenze antisemite all’interno del suo Partito Laburista. In Francia l’intervista di sabato del Corriere della Sera al filosofo Alain Finkielkraut, che ha parlato di un antisemitismo di sinistra, che “oggi per ragioni elettorali ha scelto il partito dell’islam politico”, ha riacceso il dibattito. E in Italia? Ne abbiamo parlato con Ugo Volli, professore ordinario di semiotica del testo all’università di Torino ed ex presidente della sinagoga riformata Lev Chadash di Milano.
Dice Volli: “Esistono, nel nostro Paese e in Europa, alcuni isolati ed esagitati neofascisti e neonazisti che fanno cose inaccettabili, dal profanare i cimiteri alla minaccia di compiere stragi. Ma sono pochissimi, residuali e poco organizzati. Folcloristici quando fanno cose un po’ nostalgiche come a Predappio. Ma è evidente che non esiste un pericolo per la democrazia”.

Neppure per le comunità ebraiche?

Le comunità ebraiche in Europa sono minacciate principalmente dagli islamisti, che rappresentano una minaccia per motivi sia religiosi sia politici, con l’antisemitismo che si sovrappone all’odio per Israele. La polizia e l’esercito davanti alle sinagoghe ci difendono essenzialmente da questa minaccia.

Che cosa si nasconde dietro questo allarme fascismo?

Una speculazione politica da parte di forze che hanno perso capacità di attrazione, non solo in Italia ma in buona parte d’Europa. Molti di loro sono sinceramente preoccupati dai neofascisti. Ma questa paura deriva dalla scarsa comprensione di che cosa sia il fascismo. È il vecchio vizio della sinistra: gli avversari politici sono sempre tutti sbagliati, criminali, ubriachi, donnaioli, mostri e di conseguenza anche fascisti. Ma il fatto che siano sinceri non rende il tutto meno preoccupante. Da qui, il tentativo di creare allarmi sperando di allargare l’elettorato. Ma ci sono due problemi. Il primo: queste grida “al lupo, al lupo” non impressionano nessuno. Il secondo: la sinistra non sa più rispondere su questioni molto concrete come il modo di vivere e l’identità nazionale, per esempio.

È delegittimazione o anche una forma di censura?

Alla vecchia egemonia della sinistra in Occidente corrisponde un’egemonia che continuano ad avere sulla grande stampa. Ma questa è in grave crisi negli ultimi anni. E così nasce l’idea che la sinistra non venga capita perché il popolo segue altre idee in Rete che subito vengono bollate come fake news. Da qui il tentativo di censurare, di impedire che altre idee circolino sulla Rete.

Hanno perso il controllo del mezzo e cercano di controllare il messaggio?

C’è un recente libro di Christian Rocca intitolato Chiudete Internet (Marsilio). È solo un esempio della tendenza a pensare che sia stato un grave errore far nascere questa cosa diffusissima che è Internet per via delle cose che circolano su quel mezzo. E poiché non piacciono, vengono definiti discorsi di odio, senza qualunque criterio oggettivo. Anche perché se ci fosse un criterio oggettivo i primi discorsi di odio da proibire sarebbero quelli di Vauro, che ha appena pubblicato Sette modi per uccidere Salvini oppure di questo cuoco, Rubio, che si chiama chef.

E la Commissione Segre come si inserisce in questo contesto?

Questa commissione, che porta un po’ impropriamente il nome della senatrice Liliana Segre, va esattamente nella direzione di creare le basi per rendere possibile la censura. La senatrice è stata usata per proporre un’agenda che mi ricorda quello che Bertolt Brecht proponeva in maniera ironica nel 1953 ai comunisti della Germania Est dopo gli scioperi operai, cioè sciogliere il popolo. Oggi c’è il tentativo di non fare votare, di impedire la libertà di espressione sulla Rete e molto altro perché c’è una profonda diffidenza e un forte disprezzo nei confronti dell’elettorato. E si tratta di un’involuzione pazzesca per i partiti che si proclamano progressisti e al fianco dei più deboli.

Non la stupisce la totale assenza dal dibattito pubblico della minaccia islamista?

Nelle perversioni mentali della sinistra c’è l’idea che, perso il mondo operaio anticapitalista che oggi vota per altri, si debbano trovare alleati contro l’Occidente. E gli islamici sono gli alleati perfetti. Che poi se la prendano in particolare con gli ebrei e con Israele va anche bene, visto che corrisponde a un profilo di antisemitismo che sta riemergendo a sinistra.

Gabriele Carrer, “La Verità”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + uno =