Il centralismo strisciante con l’accorpamento dei comuni e le “città metropolitane”

Filed in italia, piemont liber, piemontesi by on 12/06/2020 0 Comments

centralismo accorpamento dei comuni città metropolitane

C’è un poco visibile centralismo strisciante che i politicanti dei vari partiti, nessuno escluso, stanno imponendo col pretesto della funzionalità, dell’efficienza e del risparmio. Il primo passo verso un verticismo amministrativo viene fatto un po’ dappertutto con l’accorpamento di piccoli comuni con secoli di autogoverno, unendoli con referendum fasulli a quelli vicini, spesso più grandi e con cui in passato nascevano spesso dispute e contese.
L’improvvido e centralista accorpamento con la nascita di un unico ente amministrativo è una scelta superficiale e sbagliata, ma viene gabellata come una decisione inevitabile per mettere insieme i servizi essenziali e risparmiare risorse. È una logica efficientista e piace certamente al “partito dei geometri” che ha dato da anni l’assalto alla pubblica amministrazione, ma va contro il sentimento popolare di appartenenza e di difesa del territorio.
Non si può dimenticare come il celebre studioso Emanuele Sella sottolineasse l’originalità della struttura urbana delle località periferiche biellesi, che s’era sviluppata non per frazioni ma con il cantone: “Un’unità” che “permane come residuo federale nei Cantoni Svizzeri”, un nucleo comunitario che dava origine a un forte sentimento solidaristico e si manifestava con l’aiuto reciproco.
L’altra scelta, altrettanto centralista, è stata eliminare l’elezione diretta delle province, i cui vertici non sono più scelti direttamente dai cittadini ma decisi dalla ristretta cerchia dei sindaci. Come se non bastasse, le vecchie province che hanno avuto la sfortuna di avere al centro una megalopoli (come Turin) sono diventate “città metropolitane”, dove il più grosso la fa da padrone e la periferia non conta più niente.
Tutti però cianciano di autonomie, di repubblica plurale e di campanili proprio mentre, zitti zitti, continuano a togliere alla gente del nostro povero Piemont la possibilità di decidere il proprio destino.
La strada è aperta per un regime presidenzialista.
Ovviamente, con “prima gli italiani”. Della casta.

 

centralismo accorpamento dei comuni città metropolitane
 

A nass ‘n rabastant sentralism butand ansema le Comun-e e comandand le “Sità metropolitan-e”

Con la scusa ‘d fé andé mej le ròbe, fé fosoné ij ravaj e guerné ij sòld, ij politicant dij vàire Partì, gnun rajà, a van buté ansima ‘n rabastand sentralism. 
El prim pass anvers ‘n aministrassion lassà an man a pòchi as fa dëspertut butand ansema le cite Comun-e che për milanta ’d ann a s’ero aministrà dëspërlor, obligàndje a mës-cesse con coj davzin, vaire vòlte pì gròss e che ‘na vira a l’ero an rusa pròpi con loraotri.
El bàilo e sentralista mësciament fasand nasse mach n’ùnica ministrassion a l’é ‘na sernia fàita tant al tòch e non bon-a ma a la ven trocionà coma ‘na determinassion ch’as peul nen evité, për buté al bondì j’agiut a la gent e nen sgajré dij sòld.
A l’é la lògica dël fé për fé, cha pias ëd sicur al ‘partì di geòmetra’ che da vàire ann a son andàit a l’atach për gripioné le fonsion publiche ma a va contra l’ànima s-cëtta dla gent, ch’a veul sente sua e difende la Tèra dij Vej.
As dev arcordé lòn ch’a disìa l’avosà studios Emanuele Sella ch’armarcava com’a fusso particolar  ij pais bielèis ch’a l’ero nà e a s’ero grandisse non për frassion da bariera ma col Canton, n‘union ‘d gent tam-e cola con l’istess nòm ch’a l’é ‘l cheur dël Federalism Esvisser, ‘na comunità unìa con ‘na gran veuja dë sté ansema e giutésse.
Tut dësmentià.
L’aotra amposission, aotërtant sentralista, a l’é stàit scarté l’elession popolar dle Provinse, andova ij caporion a son pì nen sernù da tuta la gent ma decidù antërlor màch dai Sìndich.
Gnanca s’a fussa assé, le veje Provinse ch’a l’han avù la scalogna ‘d esse antorn a ‘na gran sità (coma Turin) a son diventà “Sità Metropolitan-e” andova ‘l pì gròss a la fa da padron e le valbe campagnin-e e montagnnin-e a conto pì gnente. 
Tuti comsissìa a tarabasto ‘d aotonomie, ‘d Republica con vàjre vos e tanti cioché propi ant ël moment che, cito cito, a seghito a gavé podej a la pòvra gent Piemontèisa.
La stra a l’é duverta a lassé comandé màch un solengh.
Ciàirament, con prima gli italiani. Coj ‘d prima sernia.

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − 4 =