La crisi sanitaria conferma la necessità di riprendere la battaglia autonomista

Filed in italia, padani, piemont liber by on 15/05/2020 0 Comments

La grande tragedia ancora in atto dell’epidemia ha chiaramente ribadito che l’Italia non è unita e che la sua attuale classe politica non è in grado né vuole superare le abissali differenze fra le sue regioni (sarebbe meglio dire “nazionalità”), che uno Stato centralista tiene assieme a fatica. Le polemiche e i conflitti fra il governo di Roma e quelli locali esplodono non appena emergono le difficoltà. Allora appaiono subito diverse e divergenti le idee per affrontarle e superarle.
Con la tipica mentalità gerarchizzante, i ministri romani pretendono a ogni pié sospinto di dettare “regole” (che non sono leggi!) e imporre obbedienza pronta, cieca e assoluta anche quando nelle regioni produttive le restrizioni e la militarizzazione del territorio significano, a contagi ormai quasi finiti, rovina totale dell’economia. Con il pretesto di razionalizzare il sistema sanitario si chiede a gran voce una maggiore centralizzazione, con il rischio concreto di livellarlo al ribasso.
Anche le starnazzanti polemiche dei notabilati politici delle regioni del Sud contro quelle del Nord sono sintomo d’una contrapposizione non solo economica, ma culturale, psicologica e mentale. L’indecente e ingloriosa fuga notturna di migliaia d’impiegati pubblici dal Nord ha mostrato chiaramente che l’occupazione nella scuola e negli uffici di Stato è spesso monopolio di persone che non hanno (né vogliono) legami stabili con la realtà territoriale dove operano, e questo grave problema non sorge solo dove i posti – come in val d’Aosta e in Trentino-Sud Tirolo – sono riservati a residenti di lunga data.
L’estensione a tutta Italia della zona rossa anticontagio, anziché limitarla ai soli territori dove l’epidemia era effettiva, si è rivelata una misura strumentale, soltanto un pretesto per concedere dappertutto sussidi e regalìe anche laddove prevale l’economia illegale e parassitaria, con grave danno per le regioni dove l’occupazione e il lavoro sono diffusi e virtuosi.
La drammaticità degli eventi fa crescere la coscienza dell’inconciliabilità fra le realtà regionali, sempre più distanti e conflittuali fra loro. In un momento come questo, lo spazio politico per il regionalismo (del Nord) sarebbe enorme. Sarà per questo che la sua rappresentanza istituzionale è scomparsa? Chi sbraita “prima gli italiani” o non ha capito cosa bolle in pentola o lo ha capito benissimo. E si mette di traverso, sostituendo il nazionalismo falso e straccione al federalismo e all’autogoverno.
Ma “no pasaran”. 

 

coronavirus autonomismo

 

El robaton sanitari anferma che l’Italia a l’é nen unìa

La gròssa tragedia infessional ancor nen finìa infessional a l’ha con ciairëssa mostrà che l’Italia a l’é nen unìa e che coj che ancheuj a la comando a son nen bon o a veulo nen sbarassése dle dësformà diferense antërmes a soe Region (a sarìa mej dì ‘Nassionalità’) che lë Stat centralista a ten ansema con grand ësfòrs.
Le ruse e j’arbëch anta ‘l Govern ëd Roma e coj dël pòst a s-ciopo pen-a ch’a-i rivo j’incòmod. Antlora le idèje për torné a gala a son sùbit diferente për féje bòta.
Con soa citëssa d’idèje da caporion, ij ministèr roman a l’han la pretèisa vist non vist d’ampon-e ‘regole’ (ch’a son nen legi !) e obligà a l’obedienssa pronta e total ‘dcò quand ant le Region travajeure ij sarament e la militarisassion dle valbe a veulo dì (a contagi giumaj scasi finì) rovin-a pien-a dle atività. Con la scusa ‘d rende pì vajate le struture dla salute as ciama a gran vos pì forta amposission da l’àut, con ël grand arzigh dë sgnaché-la a l’arbass.
‘Dcò le mal ardrissà ruse dij cacam polìtich dle Region meridionaj contra cole padan-alpin-e a son l’antërsegn ‘dna separassion nen màch econòmica ma coltural, dë spirit e mental.
La dësconvenienta scapada sensa glòria an pien-a neujt ‘d passa papé stataj da le valbe alpin-e e padan-e a l’ha fàit vëdde sensa sospet che l’ocupassion ant la scòla e ant j’ufissi a l’é an gran part fàita da gent ch’a l’ha nen (e a veul nen avèj) ‘n grop ëstrèit e sincer con la realtà ch’a-i dà da vive e cost gròss fastidi as mostra nen andova ij pòst (coma an Valdosta o ant ël Trentin-Südtirol) a son màch për coj vreman dël pòst.
Avèj slargà la ‘zòna rossa’ contra ‘l virus anvece ‘d lasséla màch ant le valbe andova l’epidemia a j’era dabon a s’é arvelà ‘na sernia trocionanta, fàita màch për avèj la scusa ‘d dé dëspartut bon-e man e regalìe ‘dcò andova a la fa da padron-a la criminalità an goant bianch e sensa rendita, con grand dëscàpit dle Region andova a j’é veuja ‘d travajé.
An costa situassion dramatica as fa sempe pì forta la convinsion che as peulo pì nen ten-e ansema travonand la saliva antra ‘nassionalità’ sempre pì lontan-e e con interessi diferent fra loraotre.
Ant un moment parèj a sarìa fondamental che ‘l regionalism dël Nòrd a fussa fòrt, fier e ardì.
A sarà pa për cost risigh che coj ch’a pretendo ‘d esse sò pòrta-paròla a l’han saotà ‘l fòss ?
Coj ch’a s-criasso “Prima gli Italiani” o a l’han nen capì lòn ch’a beuj ant la pèila opura a l’han capìlo fin-a tròp ben. E as buto ëd travers, tradend j’ideaj federalista e aotogovernativ për butésse al servissi dël nassionalism ambrojon e strasson.
Ma a passran nen.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − undici =