“Regione Piemonte”, cinquant’anni senza un’anima

Filed in italia, piemont liber, piemontesi by on 15/07/2020 0 Comments

La “Regione Piemonte” compie cinquant’anni, ma da festeggiare non c’è niente. Previste dalla Costituzione repubblicana. le Regioni a statuto ordinario sono nate tardi, male e soprattutto senza anima. Sono state costituite creando un ente burocratico senza poteri reali, subalterno alle bizze e agli umori d’una classe politica chiusa in sé stessa, e soprattutto dando vita a un carrozzone succube del potere centrale.
L’anniversario di un fallimento anunciato non merita d’essere celebrato, ma va criticato duramente perché è tutt’altro che l’espressione delle autonomie popolari. Inultilmente, a fine Settecento, Giovanni Antonio Ranza proclamava la “Nazione Piemontese” in un’Italia federata; e invano, nel 1943, Emile Chanoux e gli altri antifascisti firmatari della Carta di Chivasso chiedevano vere e ampie autonomie per tutte le Valli Alpine. Invece di un Piemonte da sempre europeista che, nelle coscienze dei suoi uomini migliori, guardava alla Svizzera, è nata un’appendice di Roma che non trattiene neanche i soldi che produce.
Oggi le Regioni sono espressione negativa di un centralismo endemico e duraturo che nessuno ha mai voluto davvero debellare, e quella “torinocentrica” e malgestita non fa eccezione. Ma il nostro povero Piemonte è soprattutto muto, silente, senza voce perché gli hanno sempre tagliato la lingue, banalizzando ed emarginando le sue splendide parlate locali. C’è stato in passato addirittura un “Assessorato all’Identità Piemontese”, ma era una scatola vuota, di facciata e senza scopo: nelle scuole s’insegna di tutto, salvo le tradizioni, la cultura del popolo, la nostra originale favella.
Un Piemonte così non ha niente da festeggiare.

regione piemonte cinquanta anni

Nel 2020 ricorrono il 50° anniversario dell’istituzione della Regione Piemonte e il 15° anniversario della promulgazione dello Statuto regionale.

 
 
 
Sinquant’ann sens’ànima

La “Regione Piemonte” a l’ha sinquant’ann ma da fé baudëtta a j’é gnente.
Vorsùe da la Costitussion republican-a, le Region ad argim ordinari a son nassùe tard, malbutà e dzoratut sens’ànima. A l’han faje nasse butant su ‘n carosson ëd passapapé, sensa ver podej, sota padron dle folìe e dle matan-e d’un grop politich màch anteressà a sò afé e pì che tutfasand nasse ‘n carosson s-ciav dël podèj sentral.
L’aniversari ëd ‘na derota nonsià a merita pa d’esse laudà, ma a va dësblaudà severament përché a l’é nen anandià da le aotonomìe dël pòst.
A l’ha servì a gnente che a la fin dël Setsent Gioan Tòni Ransa a butejsa a l’onor dël mond la “Nassion Piemontèisa” ant n’Italia federal e a l’é nen stàìt ùtil che ant ël 1943 Emile Chanoux e j’aotri antifassista ch’a marcavo ël “Papé ‘d Civass” a ciamejso s-cete e larghe aotonomìe për tute le Valbe Alpin-e.
Nopà d’un Piemont da sempre eoropenghista che, ant ël sentiment dij sò mej fieuj a vardava a la Svissera, a l’é nà ‘na gionta ‘d Roma che as ten gnanca tuti ij sò sòld.
Le Region dël dì d’ancheuj a son ël frut malereus d’un sentralism sempre pì fort e durabil che a s’é mai vorsù vreman gavé e a l’é nen n’ecession cola ch’a ciucia tut a pro dla ‘cavagna turinèisa’ e a l’é mal aministrà. 
Ma nòstr pòver Piemont a l’é pì che tut chet, silensios, sensa vos përché a l’han sempre tajaje la lenga; dësdeuiant e butand ant ël canton soe splendriente parlade locaj.
Adritura, a s’é fàsse cheich ann andarera ‘n “Assessorato all’Identità piemontese” ma a l’era ‘na cassia veujda, ‘d faciada e sensa but.
Ant le scòle as mostra minca baravantan-a ma nen le tradission, la coltura popolar e nòstra parlada genìta.
An Piemont al pian dij babi a l’ha gnente da fé festa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + diciotto =